Emozioni di Natale a Nuoro

Emozioni di Natale a Nuoro (NU) mescola shopping, spettacolo, intrattenimento e cultura in una manifestazione pensata per divertire e sorprendere grandi e piccini e permettere a tutti di vivere appieno l’atmosfera speciale delle feste.

Emozioni di Natale a Nuoro 2017: date ed eventi

Siamo in attesa delle date ufficiali.
Dal: 05/12/2017Al: 06/01/2018
Comune: Nuoro
Nascondi Mappa
Evento finito. In attesa delle date del prossimo anno

Emozioni di Natale a Nuoro (NU) si svolge dal 5 dicembre 2017 al 6 gennaio 2018. La manifestazione è caratterizzata da un fitto programma di eventi, che si muovono lungo tre direttrici diverse: shopping, spettacolo e intrattenimento per piccoli e grandi e cultura.

Link: comune.nuoro.it

Natale a Nuoro_img

Natale a Nuoro

Che cosa fare e vedere a Nuoro

Città di origini antichissime (i primi insediamenti nell’area risalgono a diversi millenni prima di Cristo), Nuoro (NU) sorge ai piedi del Monte Ortobene ed è stata teatro di numerosi avvenimenti storici, che le hanno lasciato in eredità un ricco patrimonio culturale e artistico.

Per quanto riguarda le architetture religiose, tra le più interessanti ci sono la Cattedrale di Santa Maria della Neve, costruita in stile neoclassico nel XIX secolo per volontà del vescovo Giovanni Maria Bua, l’Antico Santuario della Madonna delle Grazie (Nostra Segnora ‘e sa Gràssia), realizzata alla fine del ‘600, e le “cresias”, tra cui spicca la Chiesa della Madonna della Solitudine (sa Solidae), particolarmente cara ai nuoresi per il culto della Vergine e per l’ambiente incontaminato in cui sorge.

Tra i monumenti militari e civili, invece, rivestono particolare importanza la Statua del Redentore, Piazza Sebastiano Satta e il Caffè Tettamanzi o Bar Majore. Quest’ultimo (aperto nel 1875) si trova al centro di Corso Garibaldi e conserva al suo interno un bellissimo soffitto impreziosito dagli stucchi originali dell’ebanista piemontese e fondatore del locale Tettamanzi. Il bar è stato il punto di ritrovo in passato di Sebastiano Satta e degli altri intellettuali dell’Atene Sarda e ancora oggi è un luogo molto frequentato, sia dagli autoctoni che dai turisti.

0 / 5     voti: 0 Lascia la tua Recensione

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Voto *